Le Prestazioni di lavoro occasionale: libretto famiglia.

Articolo Pubblicato il 4 Giugno 2018 - Gazzetta di Napoli

Alfonso Angrisani 21/01/2019 0

 

a  cura di Alfonso Angrisani responsabile nazionale Network della disabilità

E’ passato quasi un anno dalla introduzione del Libretto Famiglia previsto per le prestazioni occasionali .

L’articolo di riferimento è l’art 54 bis della Legge 21 Giugno 2017 n°96.

Si tratta di  libretto nominativo prefinanziato, può essere utilizzato esclusivamente dalle famiglie per pagare la prestazione occasionale solo a determinate categorie di lavoratori.Il presente istituto viene utilizzato dalle famiglie e non deve essere confuso con il Contratto di prestazione occasionale 2018,  rivolto a professionisti, lavoratori autonomi, imprenditori, associazioni, fondazioni e altri enti di natura privata, pubbliche amministrazioni. Sono quindi compresi, a titolo esemplificativo, tutti i datori di lavoro con non più di cinque dipendenti a tempo indeterminato, le ONLUS e le associazioni.

Ritornando all’argomento che viene descritto nel presente articolo, si ricorda che La famiglia interessata dovrà prima acquistare il libretto tramite Inps o Poste Italiane, poi ricaricare la somma di denaro desiderata, inviare un’apposita comunicazione all’INPS e solo successivamente, potrà pagare la prestazione.

Ogni titolo di pagamento è pari al valore di 10 euro di cui 8 euro costituiscono il compenso del prestatore, 1,65 euro vengono accantonati per la contribuzione IVS alla Gestione Separata, 0,25 euro per il premio assicurativo INAIL,  e 0,10 euro per il finanziamento degli oneri gestionali.

E’ possibile ricorrere a questo strumento per le seguenti prestazioni :

1) piccoli lavori domestici, inclusi i lavori di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione;

2)assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità;

3) insegnamento privato supplementare.

Va chiarito che i limiti previsti per coloro che intendono utilizzare le   prestazioni soprarichiamate  sono i seguenti :

  • per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro;
  • per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, a compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro;
  • per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, a compensi di importo non superiore a 2.500 euro.Entrando nel cuore dell’istituto e capiamo il funzionamento

L’utilizzatore  è tenuto entro tre giorni del mese successivo comunicare all’Inps dati identificativi del prestatore;

compenso;

luogo di svolgimento della prestazione;

la durata della prestazione;

l’ambito di svolgimento;

ed altre informazioni per la gestione del rapporto.

L’Inps provvede al pagamento entro 15 giorni secondo la modalità prescritta dall’ utilizzatore .

 

Potrebbero interessarti anche...

Alfonso Angrisani 13/01/2018

Cosa ha cambiato il Jobs Act nel diritto del lavoro.
?????????????
A cura di Alfonso Angrisani  Segreteria Nazionale Fisapi – responsabile nazionale conciliazione sindacale e bilateralità

La confusione che si è generata attorno a questo termine , ha creato solo una serie di equivoci e polemiche alimentate dalle forze politiche,  ed amplificata dai vari talk show televisivi , dove i partecipanti ,senza avere la giusta competenza  trasformandosi in una sorta di indovini , 

Leggi tutto

Alfonso Angrisani 20/01/2018

Il ruolo e la funzione del disability manager

a cura di Alfonso Angrisani responsabile nazionale Network della disabilità

Le recenti riforme del diritto del lavoro,  hanno introdotto la figura del  responsabile dell’inserimento lavorativo meglio conosciuta come disability manager  trattasi di un professionista che si occupa del rapporto di lavoro dei disabili, dall’inserimento, alla organizzazione, attuando percorsi personalizzati che tengono in considerazione  le capacità personali del lavoratore,  le normative di sicurezza, oppure  modalità di lavoro, più consone alla condizione psicofisica dell’individuo,  come lo smart working,ed altre condizioni che riguardano la sfera del lavoratore iscritto al collocamento mirato.

Leggi tutto

Alfonso Angrisani 13/01/2018

Ritiro a domicilio pratiche Inps ed Inail, un nuovo servizio dell’Associazione A.L.E.C.

L’Associazione Alec,  presieduta dal legale salernitano Alfonso Angrisani ed attiva in diversi  centri  dell’intero territorio regionale campano ed a Roma Capitale, comunica all’utenza che a partire dal 23.11.2015 offrirà un nuovo servizio di ritiro pratiche a domicilio per i  tanti pensionati, invalidi e lavoratori che a causa di vari problemi non riescono a deambulare e fare file presso gli uffici dell’INPS e INAIL.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...